logo
Your cart is currently empty.

La Pasta

IL GRANO RUSSELLO e la sua coltivazione.

La scelta varietale da indirizzare alla pastificazione è andata su una varietà di grano che nel territorio di San Cipirello e limitrofi è stata coltivata per centinaia di anni, rappresentando, assieme alla tumminia, l’unica tipologia coltivata.

Questi i fondi aziendali in proprietà destinati alla coltivazione del grano e dove nel passato veniva coltivato il RUSSELLO:

  • Ha 3.00.00 in agro di San Cipirello contrada Scarpa.
  • Ha 1.00.00 in agro di San Cipirello contrada Giovanni Vicario.
  • Ha 8.00.00 in agro di Monreale contrada Pietralunga.

Ha 8.00.00 in agro di Monreale contrada Pietralunga sono condotti in comodato d’uso.

La superficie complessiva di Ha 20.00.00 è soggetta ad una rotazione annuale grano con foraggere e quindi la superficie effettivamente coltivata a grano è per ciascun anno di Ha 10.00.00.

Semine medio tardive (riducono la presenza di infestanti) e le scerbature manuali escludono completamente l’adozione di diserbi chimici.

Tutte le operazioni colturali vengono eseguite con mezzi meccanici aziendali eccezione fatta per la mietitrebbiatura, affidata a terzi.

  1. MOLITURA: Per la molitura è stato scelto il Molino Nonno Mommo di Bisacquino con molitura a pietra e quindi conservazione del germe(apice vegetativo preposto alla riproduzione della cariosside) mantenendo cosi le migliori performance qualitative del grano molito. Parte del grano viene molito presso il molino Gattuso di Castronovo di Sicilia un piccolo molino a cilindri che fornisce una semola particolarmente chiara e delicata e che si è ritenuto opportuno pastificare ed immettere nella disponibilità dei consumatori che non amano l’integrale o il semi-integrale del molino a pietra.
  1. PASTIFICAZIONE E CONFEZIONAMENTO: In atto, è in avanzata fase, la progettazione di un pastificio aziendale di capacità proporzionata alla capacità produttiva dell’azienda agricola. Nelle more, per la pastificazione ed il confezionamento, ci si avvale del pastificio “Rinascita Corleonese”, del pastificio “Cepastaperte” di Gaudino Giuseppe di Santa Margherita Belice e del pastificio "Sapori di Grano" di Salemi.

Detti pastifici lavorano la semola loro consegnata con trafile in bronzo, a bassa temperatura (40-42° e con tempistica di 18-24-ore).